Una storia marziale

Tipico allenamento marziale, è un giorno come tutti gli altri della mia vita sempre piena di avventure. Sono a cambiarmi e mentre mi infilo i pantaloncini da lotta (bellissimi, con disegni particolari… da gladiatore), entrano tre tipi che conosco a malapena di vista. In realtà mi stanno sul cazzo perchè sono dei falliti leccaculo di un “lottatore” che si crede l’erede di un qualche artista marziale famoso del passato. Ci salutiamo e loro mi dicono che prima o poi, quando meno me lo aspetto, mi fanno il culo. Io rido sempre quando ho a che fare con gente del genere, proprio perchè ho avuto a che fare con persone veramente spietate che non si limitano a dire “ti stronco“, passano direttamente ai fatti anche se magari perdono comunque. La vera cattiveria, passa ai fatti anche se poi bisogna vedere se prevale o meno. Non li guardo nemmeno in faccia, mi giro a malapena e dico loro di stare in campana in quanto sarei capace di andare oltre le mani se necessario. Sono in tre, dunque si reggono la minkia a vicenda per non avere paura ma come ho scritto prima sono dei falliti, dunque lascio perdere. Esco dallo spogliatoio e vado a fare qualche esercizio di riscaldamento. Parto con la corda, così mi riscaldo subito e senza troppa fatica. Dopo passo al sacco MMA (che è più lungo del sacco da Boxe, per via dei calci e delle ginocchiate da sferrare) per ripassare ogni tecnica e ogni combinazione. Mentre mi alleno in totale armonia, i tre tipi arrivano e iniziano a provocare. In palestra c’eravamo solo noi più i maestri che però non erano nella stanza principale degli allenamenti. Era presto! Sono tre tizi che a malapena sanno dare un pugno e vanno a rompere il cazzo ad uno che si allena da tanto tempo e che viene chiamato Gengis Khan. Lo vedete quanto è assurdo sto Mondo? Non ho tempo per queste cazzate (ripeto dentro di me), sono mezze seghe e se faccio qualcosa poi magari si mettono a piangere e chiamano la mamma. Inizio ad allenarmi col sacco per la lotta a terra e questi continuano a provocare. Sono una persona paziente ma quando è troppo, è troppo. Non sono incazzato ma occorre che dica qualcosa. Propongo di fare una sessione di lotta a terra con uno dei tre tipi. Uno dei tre accetta e iniziamo a fare una simulazione di lotta a terra. In poche tecniche, arrivo al suo collo con uno strangolamento ma non faccio forza. La mia intenzione non è tanto far vedere che potrei avere più destrezza nelle tecniche ma far capire a lui (e agli altri due) che stanno giocando col fuoco. Dico a lui ma vale anche per gli altri due, che se la prossima volta faranno così sarà un pelino peggio la mia possibile reazione. Io non voglio mica star simpatico a tutti; la mia indole è odiata perchè è vera ma ciò non significa che devi provocare… dato che non sono un tipo pacifico, è solo a tuo rischio e pericolo. I tre tipi si calmano e viene chiusa la questione. Aiuto il tipo a rialzarsi e do la mano a tutti. Penso di essere stato anche troppo bravo, non è da me.

Anche le Arti Marziali si sono corrotte purtroppo; fanno entrare cani e porci. Persone come quei tre tizi non dovrebbero stare in questi contesti, secondo me. Non sono di certo un maestro ma in un’altra vita vorrei fare il maestro marziale se magari sarà così, farò un’accurata selezione di chi sarà degno o meno di questi sport. Sono attività che servono ad unire, ad aiutarsi a vicenda. E’ un sentimento più forte di una squadra di calcio o di altri sport ove si gioca appunto a squadre. Nella Lotta sei da solo ma non sei solo, senti il calore degli altri guerrieri.

Un saluto da Ade

grappling_002

Annunci

6 thoughts on “Una storia marziale

Fammi paura con ciò che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...