Tanti non l’hanno capito o meglio, non vogliono capirlo: riflessioni varie

biscottiA4E8yeuCcAAScEy

Se tutti conoscessero il Capitalismo, sarebbero in grado di comprendere che è un sistema fallimentare perchè non funziona nemmeno a se stesso (quando la crisi fa chiudere le attività commerciali, sono degli autogoal in piena regola). Certamente possiamo arrivare a forme di Liberalismo migliori di quella odierna (esempio semplice: il sistema misto di Keynes) ma il Capitalismo in se non è un buon sistema; mostrava pecche e lacune pure nei tempi in cui rappresentava un reale progresso dal feudo. I pro ci sono stati, innegabile ma non sono bastati. Occorre puntare a modelli migliori per vivere, modelli in cui la Collettività non viene sacrificata a favore di un becero e criminale individualismo. I più devono avere un’ignoranza assurda, se riescono ad accettare una Società come questa che permette alla merda di emergere, senza il minimo dubbio. Lo vedo dal mio settore, collegato al turismo, che questo è un sistema che si sta divorando da solo e in maniere lente e terribili. Il punto è che divora pure tutto quello che c’è; basti pensare ai danni ambientali. L’industria è stata un grande passo avanti ma il progresso ottenuto con questa voglia esasperata del profitto, ha avuto dei risvolti negativi fuori dal comune. Il vero Progresso, a mio avviso, si ottiene col Criterio. Alle lunghe e col senno di poi, ti viene da dire che questo è un progresso contraddittorio, perchè viene da un sistema politico/economico/sociale che spreme le persone come agrumi. Il bello è che tanti adorano farsi spremere… però poi si lamentano, eh no! Troppo facile! 😀

capitalismo (2)

Avevo trattato la questione sui migranti nel vecchio blog e di certo non cambio posizioni (avendo perso tutti gli articoli a riguardo, non posso far leggere nulla a chi mi segue da quando ho creato questo blog…sorry XD ): sono una conseguenza di un sistema che tratta il benessere in maniere assai discutibili. Per me il benessere è tale, solo quando è esteso a tutti; altrimenti sono privilegi di casta o di cittadini ricconi/evasori. Tante persone si limitano solo a valutare se l’immigrato sia clandestino o meno; senza rendersi conto che dietro vi sono compromessi, giochi di potere e la “famosa” guerra fra poveri. Un po’ come chi analizza il terrorismo, si limita solo alle facciate e non si rende conto che ciò che sta dietro è ben più famigerato di quello che può immaginare. A farvela breve, sui migranti: più il Capitalismo degenera e collassa, maggiori saranno queste migrazioni. Personalmente ho lavorato con tanti stranieri, facendo anche scambi culturali di cucina (una figata assurda) e vi posso dire che non sono così cattivi come certe propagande vogliono far credere. Molti di loro sono istruiti (nel mio settore, se vuoi puntare in alto, lo puoi fare solo con un buon livello teorico e non solo con un buon livello pratico… ed è giusto così) in maniere notevoli… magari li ho beccati solo io ma ho trovato ottime atmosfere come quando ho lavorato con connazionali. Io non giustifico il razzismo, nemmeno per disperazione (da qualsiasi persona arrivi). La questione sui migranti è delicata e va analizzata per bene, altrimenti si finisce in becere propagande di potere.

d3ff84c6685bb7956b6b147ac59a058b

Tanti mi chiedono se un cambiamento migliore sia sempre possibile; io rispondo che si, è possibile ma non lo avremo finchè i più non avranno capito per bene i meccanismi di questo sistema a tal punto che, potranno solo muovere critiche e provare a contrastarlo. Tutto questo ve lo scrive una persona che vive bene, guadagna bene ed ha tante soddisfazioni nei suoi mestieri. Non sempre ho un lavoro fisso ma mi trattano comunque bene, per via delle mie alte preparazioni teoriche/pratiche. Il culo che mi sono fatto (e che mi faccio) è notevole, dunque è tutto guadagnato ma è solo il mio dovere. Vado contro me stesso da una parte, con questo post. Vado contro alle mie esigenze individuali (da una parte) ma ho sempre considerato le esigenze collettive più importanti, dunque scrivo così. Per mie esperienze personali e dirette, non posso vedere amici/e miei che vengono ogni giorno stroncati dalla crisi. Quei pochi che lavorano, non sempre riescono a soddisfare i loro bisogni e questo è un problema radicato ovunque, negarlo significa peggiorare ciò che sta già peggiorando col passare del tempo. E’ proprio questa ignoranza (per scelta) dilagante, che favorisce becere demagogie e revisionismi vari. I più non l’hanno ancora capito o meglio, non vogliono capirlo…perchè fa comodo e non ti assumi responsabilità. Con l’ignoranza per scelta si mangia male e si vive in maniere tristi; non fa per me. 😀

engels-ogni-giorno

10608621_566414123500505_3618258497302934461_o

marx-re-sudditi

Adelfo Marx Lenin Khan

Annunci

27 thoughts on “Tanti non l’hanno capito o meglio, non vogliono capirlo: riflessioni varie

  1. Comunisti del cazzo, anarchici di merda, liberiamoci di questi neri sfigati, ci rubano il lavoro, le donne, ci rubano il Cristo e la Madonna, buttiamoli in mare invece di aiutarli…etc…etc..
    Ecco l’esempio di un commento di una FASCISTA DI CASA POUND, W CASA POUND 😀 😀

    Mi piace

      1. Se hai fondamenti ok, per me il razzismo è un crimine. Una volta ho licenziato uno per sto fatto. Non si era limitato ad un semplice parere… io scherzo poco mia cara, è bene non sfidarmi.

        Mi piace

      2. Non era rivolto a te ahahahah ma sull’esperienza che ti ho scritto.
        Quella persona fece delle cose che non si possono fare e si è presa una bella mazzata dal sottoscritto, in tutti i sensi 🙂
        Non tollero il razzismo, specialmente a lavoro.

        Liked by 1 persona

  2. Bel pezzo Ade! Condivido appieno, come sempre, è molto più semplice fare di tutta un’erba un fascio che spremersi le meningie che trovare la soluzione ad un problema si, gravissimo, ma se non fossimo corti di memoria, potremmo ricordarci per favore che anche noi una volta riempivamo i barconi per attraversare l’atlantico?
    Io vivo all’estero, son sempre stata trattata benissimo perchè comunque chi mi ha preceduto diciamo che ha spianato la strada, ma il benessere di cui godo oggi, è frutto di una politica che guarda a tutti nella stessa misura. Non solo a chi fà più comodo.
    Buona giornata Ade

    Mi piace

    1. Bisogna guardare tutti con la stessa misura, altrimenti si genera disuguaglianza e di conseguenza, arrivano privilegi.
      La vera meritocrazia non sta in questo sistema, dunque manco in queste politiche che sono appunto schiave di questo marciume che viene dall’alto.

      Buon tutto!

      Liked by 1 persona

  3. Riprendo l’ultima frase di Karl Marx il re è re perchè sono i sudditi a renderlo tale… siamo noi cittadini a scegliere la classe politica e siamo sempre noi che permettiamo loro di trattarci come merda!

    Mi piace

Fammi paura con ciò che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...