GoodFellas (non il film)

Una parte della mia bellissima Vita, l’ho passata a forgiarmi in ambienti poco ortodossi. Mi interessava conoscere certe realtà e quindi, ho imparato a vivere in borgate e posti simili. Avevo scritto qualcosa a riguardo: https://ildarkdentrodite.wordpress.com/2017/05/26/la-strada/

In Strada ho avuto esperienze di ogni tipo; dalle più belle e interessanti, alle più assurde e terribili. Ho conosciuto parecchie persone ed uno dei miei migliori amici in assoluto di quei contesti, l’ho conosciuto in una sana scazzottata (fra me e lui). In soldoni ve la racconto: avevo rimorchiato una bella tipa che a quanto pare piaceva pure a lui (non ci si conosceva ancora). Le voci poi girano e quel tipo vuole letteralmente farmi il culo. A prima vista pareva il fidanzato ma poi mi so reso subito conto, che era solo un tizio che aveva interesse per la ragazza che mi ero portato poi a letto (anzi, fu lei a invitarmi a casa sua per scopare). Fu una scazzottata parecchio pesante (entrambi pieni di sangue) ma poi l’istinto primordiale della rabbia svanisce e torna la razionalità. Nacque poi un’amicizia unica; fratelli di sangue, in tutti i sensi! 😀 Quel tipo iniziò poi a presentarmi un sacco di gente; dalle persone più calme, a quelle più agitate. Ero il più piccolo di età, ero minorenne. Fondiamo una specie di banda ma non in senso negativo. Certamente siamo tutti ragazzi che non si tirano indietro per menare ma a differenza di certe bande/gangs, noi non volevamo assolutamente portare problemi o altro. Le vere gangs, tra l’altro, sono tutte affiliate a bande ben più spietate; per noi la mafia era una montagna di merda e nulla più. Nel periodo in cui ho fatto parte di questa comitiva particolare (avevo tante comitive ma questa era la più stravagante), ne ho viste di cotte e di crude. Ho visto persone bollarci come gangsters, perchè giravamo in macchine scure (io ero minorenne ma gli altri no) e con certe Musiche ritenute “cattive” da coloro che si considerano puri e onesti. Gli stessi puri e onesti che poi fonderanno una banda, per venirci a cercare. Chi sono i veri gangsters? Fatevi due conti! Ci sono state molte risse con questi idioti e le risse non sono mai una bella cosa. La rissa reale non è come quella dei film, che la trama ti mostra tutto con chiarezza; durante una vera rissa non capisci un cazzo di quello che succede e potresti prendere legnate pure dai tuoi amici, perchè incapaci di ragionare per via della troppa incazzatura. Per non parlare dei pregiudizi che girano in questi contesti; uno non può stare in macchina a fumarsi una canna, mentre una bella topa gli fa un pompino da sballo… manco se sta in un posto isolato (la macchina era di lei, una trombamica eccezionale; io 17enne e lei 18enne), senza evitare i peggiori epiteti o il disprezzo da parte di persone gelose perchè non scopano. 😀 Ci siamo difesi tante volte da questi balordi o anche altri ma non abbiamo mai avuto poi rancori nei loro confronti. C’è da dire che personalmente, li avrei stroncati tutti (non mi accontentavo delle risse ah ah ah ma ero più piccolo, capitemi) e nelle peggiori maniere. Il destino di quella comitiva però, non sarà rose e fiori. Più in là col tempo, abbiamo fatto scelte diverse e la comitiva è andata lentamente a farsi fottere. Alcuni sono morti per scelte errate sulla droga, altri si sono scordati (forse per paura) delle loro radici in quella precisa comitiva e l’unico che provava a tenere tutti uniti, ero io. Qualche anno fa sono tornato in quelle zone (molti mi hanno riconosciuto, pure quella tipa… che adesso è sposata ed ha famiglia), ho camminato in quelle vie da solo e piano piano ho riportato in vita quei bellissimi momenti. Sentivo il nostro retaggio di: casini, canne, sesso hard e schiamazzi vari. Sentivo il forte senso di fratellanza che c’era e non eravamo nemmeno tutti italiani, per precisare. Non ce ne fregava nulla del colore della pelle, sapevamo che dovevamo dare l’esempio anche solo per contrastare quelle bande che facevano propagande di razzismo. Non si vive solo di ricordi ma quei ricordi, come altri, sono bellissimi. Nel bene e nel male è stato un pezzo importante della mia formazione, anche ideologica. Vedendo certe situazioni particolari, è maturato poi il mio sentimento di ribellione nei confronti di tante cose. Non posso che essere fiero di quello che ho vissuto in quei contesti; la stessa fierezza che ho della mia personalità, in quello che faccio e che ho sempre fatto. Non basterebbe una notte per raccontare sta roba ma molte cose che si dicono su presunti “postacci”, sono il frutto di pregiudizi e becere propagande.

Schermata-2015-09-27-alle-19.26.28

Buon inizio settimana by Ade

Annunci

Fammi paura con ciò che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...