I miei lavori sono i migliori in assoluto e vi spiego il perchè…

La Cucina è di per sé Scienza, sta al cuoco farla diventare Arte. Gualtiero Marchesi

La Ristorazione è un settore più unico che raro, ti permette di dar sfogo alla fantasia nel pieno senso della parola. Fare il cuoco/chef o il barista/barman (e tutto il resto) non è come lavorare in altri ambiti, bisogna avere competenze specifiche con qualità particolari. Sono mestieri alimentati dalla Passione, molto più di altri. Difficilmente stai in cucina a romperti le ossa se non hai la passione, per il semplice fatto che è un lavoro difficile; è un lavoro che richiede una massima precisione, accompagnata dalla massima velocità (essere veloci e precisi non è da tutti). E’ un lavoro anche intellettuale/culturale e ciò che impari nella teoria, devi portarlo in pratica in maniere quasi perfette. La perfezione non esiste ma in cucina deve esserci, altrimenti la gente non torna. Ogni piatto ha storie uniche, idem le varianti. Un cuoco che non sa quello che cucina non è un cuoco e non sarà mai chef. Se pensi di essere portato per questi mestieri (e magari hai studiato alla scuola alberghiera o quantomeno ai corsi ristorativi) devi assolutamente provare ma se ti rendi conto che non puoi reggere più di tanto certi ritmi, significa che non sei portato ed è meglio se cambi mestiere. In cucina si lavora come una grande e potente forza, se scazza uno si mette in pericolo l’altro e poi gli altri. Personalmente ne ho di pasticci alle spalle ma avendo Passione, ho rimediato ed ho imparato piano piano. Il barista/barman è anche più difficile del cuoco/chef, perchè sei davanti al pubblico. Se non sei aperto di carattere e se non sai muoverti bene, non fare questo lavoro. Appena hai tipo 100 persone o più, vai subito nel pallone. Il cameriere è già un lavoro più adatto a tutti, anche se non è una passeggiata. Ho fatto anche il cameriere e mi è piaciuto.

Non si entra in cucina per diventare ricchi. Gordon Ramsay

La Ristorazione è un settore molto retribuito, anche ai livelli più bassi. Se sei bravo, quello che non ottieni con lo stipendio lo fai con le mance. La mancia (specialmente quando è personale) è la prova che hai fatto un ottimo lavoro. Di certo il caro chef Ramsay non è povero ma la sua frase è giusta. Fare il cuoco (o altro in questo settore) non significa fare lo schiavo dei soldi, significa mandare avanti un mestiere antico e pieno di soddisfazioni. E’ anche un lavoro ideologico il mio; puoi avere ambizioni e metterle in pratica, come puoi avere progetti e rivoluzionare il tuo ambiente. Se entri in questo settore per fare solo soldi, non ci fai una bella figura. Ognuno vive come meglio crede ma un talento venduto, non è Arte (e vale per ogni settore… la differenza fra Artista e artista venduto).

pellegrino-artusi
Un classico ma mai scontato! 😉

Uno degli aspetti più belli della cucina, ad esempio, è la parte sugli scambi culturali sui piatti. Lavorando con molti colleghi di altri Paesi, ho imparato a fare tantissime cose. Il razzismo va curato con la cucina, che è Cultura nel pieno senso della parola. 😀

Ade

Annunci

35 thoughts on “I miei lavori sono i migliori in assoluto e vi spiego il perchè…

  1. Gran bel post, si nota la differenza con quelli che scrivesti agli inizi, ed è vero, tutto deve essere accompagnato dalla passione perché la vita stessa è passione.
    I miei complimenti per questa tua raggiunta maturità.
    P.s. ho incontrato lo Chef Ramsey al Sushi Samba di Londra, era Pasqua di due anni fa.
    Ciao pistacchino. 😀 😀

    Liked by 1 persona

      1. Chef Ramsey è molto alto, penso circa 1,90, meno dell’omone Cannavacciuolo è vero, ma è sempre meglio non farlo arrabbiare…altrimenti lo puoi fermare solo con un middle kick. 😀 😀 😀

        Liked by 1 persona

  2. So già che qualunque lavoro nell’ambito della ristorazione non potrei farlo, sono un po’ lento nel fare le cose, essere sia veloce che preciso non è per me – e poi, odio andarci anche da cliente, in ristoranti e simili!

    Mi piace

      1. Buona giornata anche a te 🙂

        PS: ma lavori nella ristorazione? Nel caso, avrai un sacco di aneddoti su clienti o colleghi particolari, è un ambito stressante e a contatto col meglio e il peggio della specie umana O_0′

        Mi piace

  3. Ah no! A me piace mangiare! Soprattutto la cucina tipica delle mie zone. L’amore per la cucina lo lascio agli altri…..Ognuno di noi ritiene il proprio lavoro il migliore e, spero, ci metta tutta la passione possibile. Altrimenti è un fallito. Ti ci vedo a partecipare a quei programmi di cucina dove i vari Cracco, Bastianic e quell’altro che non mi ricordo mai, ti sbraitano in faccia tutta la loro saccenza e arroganza! Vacci Ade e fagli vedere! Io in ristoranti chic non andrò mai: meglio agriturismi e trattorie con prodotti tipici e cucina casalinga. Ma ho constatato che in nessun posto si mangia meglio che a casa mia! Mio marito è impareggiabile 😀

    Mi piace

    1. E’ quello che si dice anche di me… impareggiabile… e sono specializzato in bar 😀
      Quei programmi mi piacciono e non mi piacciono, dipende quali poi. Non sono mai stato arrogante ma nel mio settore ci vuole anche il pugno di ferro 😀
      L’alta cucina (salvo eccezioni) è piuttosto mitizzata… meglio i posti più semplici e non solo per i prezzi (a Firenze sono care pure le semplici trattorie ahahahah).
      Uso spesso i prodotti tipici (specie se devo fare piatti meridionali che richiedono proprio ingredienti precisi) ma mi piace la tradizione fusa all’innovazione, su molte cose.

      Liked by 1 persona

      1. Io ho guardato Bake off Italia l’anno scorso sia per la mia passione per i dolci che per la presenza di Antonio Lamberto Martino come giudice:umile,gentilissimo ma praticamente il migliore esperto di lieviti (e io adoro anche il pane fatto in casa,la pizza d la focaccia). Poi c’era Knam,bravissimo per carità,ma ho ancora in mente quei suoi lecca lecca al cioccolato cin sopra la pancetta! Gli preferisco Antonio Ardovino,il pasticciere decoratore che fa delle torte sublimi!

        Mi piace

      2. Non sono fanatico della pasticceria ma si, conosco quei nomi. Ce ne sono tanti e molti cercano contrasti di sapori che non sempre attirano come dovrebbero. Vale anche per la cucina. L’alta cucina mi piace fino ad un certo punto, mi piacciono i mix di sapori ma a volte si esagera secondo me. Sulla pasticceria, che fa anche programmi, c’è un tedesco che è unico in tutti i sensi. Non ricordo il nome però.

        Liked by 1 persona

      3. Noi ci siamo costruiti il forno a legna:escono di quei capolavori che infatti in pizzeria non ci andiamo più da anni! E neanche dal panettiere. Ovviamente non per merito mio….. Ma i dolci li so fare e anche bene 😄

        Liked by 1 persona

  4. Caro Amico, bel post è un piacere leggerti perché ci metti passione è quello che hai vissuto.
    Mi piace la chiusa sulla cucina che è un ottimo antidoto al razzismo.

    Personalmente non seguo i format culinari e quelle poche volte che li vidi non mi son piaciuti, spesso sono urla aggressive.

    Liked by 1 persona

      1. Si sì sto leggendo e con calma Ade studio…. non hai idea di quanta roba ho da ascoltare leggere e trovar tempo per scrivere post.
        Se si aggiunge che come diceva Gaber: Mi fa male il mondo…

        Liked by 1 persona

Fammi paura con ciò che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...